La dolcezza delle ficiulette pattesi

By  |  1 Comment

ficiulette finite1Le ficiulette pattesi sono dei semplici e soffici biscotti all’uovo consumati generalmente per colazione. Simili ai savoiardi, si profumano con vaniglia e cannella. Siamo nella provincia di Messina, nell’antica cittadina di Patti, custode dei suggestivi siti archeologici di Tindari. A metà tra mare e monti, Patti, abbarbicata sui monti dei Nebrodi tra due colline, si affaccia sul grande golfo di Milazzo.

Meno famosi dei “Cardinali” e dei “pasticciotti”, le ficiulette fanno parte della tradizione antica e frugale di un centro circondato da campagne e boschi che, tuttavia, vanta ruoli di rilievo nella storia della Sicilia.

Ingredienti per le Ficiulette Pattesi:
300 gr di uova
350 gr di zucchero
300 gr di farina 00
1 cucchiaino di vaniglia
2 cucchiaini di cannella in polvere
1 cucchiaino di lievito per dolci

Procedimento
Si pesano le uova con tutto il guscio, si mescolano con lo zucchero con le fruste elettriche per 10-15 minuti (un tempo andavano montati con un cucchiaio di legno per circa un’ora!); si aggiungono le spezie e, a poco a poco, la farina setacciata con il lievito.

Su di una placca da forno rivestita con carta da forno distribuire il composto a cucchiaini, distanziando le ficiulette di 3 dita le une dalle altre. Infornare nel forno ben caldo per 10-15 minuti, avendo cura di porre la placca del forno un po’ al di sotto della zona mediana del forno stesso. Le ficiulette devono un po’ asciugare, ma la superficie deve rimanere bianca; solo allora, tirarle fuori dal forno, far raffreddare e riporre nei barattoli per biscotti. Che dire… semplicemente squisiti.

Simona Cultrera

La cucina è un’arte nel doppio senso di “arte del saper fare” che riguarda la conoscenza delle tecniche, e “arte concettuale”, quella pura del mezzo espressivo, attraverso cui chiunque può esprimere se stesso e il proprio territorio.

  • Rosa Venticinque

    Salve! Grazie per la ricetta delle ficiulette. Vorrei sapere se è possibile avere anche la ricetta dei cardinali. Ringrazio anticipatamente,
    Rosa