La ricetta d’u “capune in agrodolce”

By  |  0 Comments

Per preparare la ricetta di oggi, facciamo riferimento a un ingrediente che è protagonista di un periodo che possiamo definire post-sagra. Già, proprio così. Stiamo parlando di un evento molto importante che si svolge ogni anno (anche se purtroppo a causa del Covid questa edizione è dovuta saltare) e che richiama a sé la partecipazione di parecchia gente, non solo a livello locale, ma anche a livello nazionale e internazionale: il Cous cous Fest di San Vito Lo Capo (provincia di Trapani).

tradizionisicilia _capone in agrodolce

Tale evento si tiene solitamente a fine settembre mentre invece, intorno ai primi di ottobre, si svolge una sagra dal nome “Tempu ri Capuna“, che ha come protagonista proprio questo pesce, conosciuto anche come Lampuga, e che può essere cucinato in tanti modi. Il periodo tra agosto e dicembre è quello che presenta abbondanza di questo pesce nei nostri mari. Oggi, con questa ricetta, ho voluto omaggiare il nostro mare, preparandolo in agrodolce.

INGREDIENTI:

  • 1 kg di Capone o Lampuga
  • 4 cipolle Rosse di Tropea
  • Un bicchierino di aceto di vino bianco
  • 2 cucchiai di zucchero
  • Farina 00 q.b.
  • Sale
  • Olio per friggere

PROCEDIMENTO
Iniziamo pulendo il pesce, eviscerandolo e togliendo tutte le pinne. Lo sfilettiamo ricavando dei filetti e, con l’aiuto di pinzette, togliamo tutte le lische. Lo laviamo e teniamo da parte.
Tagliamo le cipolle a fette e le mettiamo in una padella capiente. Rosoliamo in padella con olio extravergine di oliva a fiamma dolce. Io in genere copro con un coperchio in modo da farle appassire pian piano.
Dopo circa 15 minuti aggiungere un bicchierino da caffè di aceto di vino bianco e due bei cucchiai di zucchero.
Lasciare cuocere altri 6/7 minuti, dopodiché spegnere la fiamma.

tradizionisicilia _capone in agrodolce_ cuoca alterantiva _slide1

Mettere in una ciotola la farina e un pizzico di sale e infarinare delicatamente tutti i filetti di pesce.
Scaldare l’olio e friggere 3 minuti per lato. A questo punto lo poggiamo su della carta assorbente tipo Scottex per togliere l’olio in eccesso.

tradizionisicilia _capone in agrodolce_ cuoca alterantiva _slide2

Passiamo ora alla composizione del piatto: disporre il filetto di pesce e adagiare sopra la nostra cipolla. Per far sì che gli ingredienti possano amalgamarsi bene di sapore, vi consiglio di assemblarli tra loro qualche ora prima di gustare il piatto bello e finito. Il profumo che emanerà vi lascerà inebriati :) Buon appetito!

ricetta di
Cuoca_alternativa

tradizionisicilia _capone in agrodolce_ cuoca alterantiva_piattofinito


Condividi l'articolo con chi vuoi ...

"L’Italia senza la Sicilia non lascia alcuna immagine nell’anima. Qui comincia tutto." J.W.Goethe, Viaggio in Italia

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>