Il Carnevale di Sciacca al tempo del Social

By  |  0 Comments

insta_sciacca7C’è odore di “chiacchiere” nell’aria. Puoi sentirlo facendo un giro per la città; puoi rincorrerlo nei ricordi da bambino e riassaporarlo ancora oggi con lo stesso desiderio di allora: perché i tempi saranno pur cambiati, ma le tradizioni amiamo tenerle strette.

È proprio vero, il tempo scorre, il progresso ci tende la sua mano e “condividere” non è più una scelta, piuttosto un must. “Scattare la realtà”, lasciare entrare il mondo e le sue storie dentro le nostre case, talvolta in un modo persino invadente: per alcuni è solo la moda del momento; per altri la più nuova ed immediata comunicazione. Giunto alla sua 114esima edizione, approda sulla terra dei Social il Carnevale di Sciacca, la storica manifestazione del comune agrigentino che regala, da sempre, onori e risate ai suoi abitanti e agli spettatori provenienti da ogni parte d’Italia e del mondo. Se per anni, le tv locali si sono fatte portavoce delle novità attorno alla beffarda e ingorda maschera di “Peppe Nappa”, nel 2014 tutti sono chiamati a diventare cronisti della loro esperienza saccense in una rete sociale che invita gli utenti a pubblicare e a condividere contenuti della festa dell’allegoria e della satira pungente. Iscriversi al portale del Carnevale Social di Sciacca è semplice: è sufficiente creare un profilo personale sul sito www.carnevalesciacca.it o collegarsi attraverso il proprio account Facebook e Google +.

Comunicare, condividere e diffondere in modo virale le foto del  Carnevale di Sciacca, conoscerne il “dietro le quinte” e diventarne persino protagonisti. Sulla scia del Carnevale di Venezia e quello di Viareggio, legati al new media e ad un contest fotografico su Instagram, l’iniziativa del primo Carnevale Social in Sicilia, crea armonia tra futuro e tradizione. Ed è così che, l’orgoglio dei carristi nel far rivivere gli antichi costumi di questa terra e l’entusiasmo dei presenti vive nel divertimento e nella risata, mai come ora contagiosa e condivisa. E, in fondo, come ci ricorda Charlie Chaplin: chi non ride mai, non è una persona seria.

segui l’evento anche sulla pagina Facebook