Bon Capu d’Annu

By  |  0 Comments

Tradizioni Sicilia chiude il 2014 con questa poesia in Siciliano che ci è stata presentata dalla nostra lettrice Antonella Sutera e che vi riportiamo di seguito. Il nostro augurio più grande è quello di un Buon 2014 ricco di cose belle e desideri realizzati nel migliore dei modi.

Ora chi simu ccà vi la cantu
sta canzunedda ch’è nu vecchiu cantu,
facimu festa chi nostru Signuri
vinni ‘nt’o munnu mi porta l’amuri,
facimu festa chi nostru Signuri
vinni ‘nt’o munnu mi porta l’amuri.

Bon capu d’annu e bon capu di misi
arretu ‘a porta ‘na petra vi misi
e vi la misi pi’ tuttu l’annu,
bon capu i misi e bon capu d’annu,
e vi la misi e la seppi mintiri,
pigghiàti u fiascu chi vogghiu mbiviri.
Ed iu lu sacciu chi fica nd’aviti
puru castagni di chiddi ‘nfurnati,
si mi ndi dati e si non mi ndi dati
li boni festi sempri mi faciti,
si mi ndi dati e si non mi ndi dati
li boni festi sempri mi faciti.

Bon capu d’annu e bon capu di misi,
bon capu d’annu Diu vi dassa fari,
arretu ‘a porta ‘na petra vi misi
bon capu d’annu e bon capu di misi,
e vi la misi e la seppi mintiri,
pigghiàti u fiascu chi vogghiu mbiviri.

 

"L’Italia senza la Sicilia non lascia alcuna immagine nell’anima. Qui comincia tutto." J.W.Goethe, Viaggio in Italia