Antipasto alla siciliana: le cipolline caramellate

cipolline in pentolaÈ ben lontano il tempo in cui il vescovo Liutprando, ambasciatore dell’imperatore Ottone I di Sassonia, raccontava che il proprio signore non mangiava cipolla, né aglio, né porri, per evidenziarne nobiltà e prestigio. In quella stessa epoca, siamo intorno all’anno Mille, gli arabi in Sicilia insegnavano al Mediterraneo il segreto dell’agrodolce, con tutte le sfumature e le varianti di questa preparazione al contempo semplice ed eccezionale.
Già solo a sentirle nominare viene l’acquolina in bocca. Le cipolline caramellate si servono spesso all’interno del cosiddetto “antipasto alla siciliana”, un insieme di ricette tipiche che comprende inoltre: la caponata, la zucca in agrodolce, verdure in pastella, piccole arancine di riso e, qualora vi trovaste a Palermo, anche le famose panelle. La ricetta, sebbene semplicissima, va seguita con scrupolo.

Cipolline caramellate
ingredienti:
500 gr di cipolline
40-50 gr di burro
1 cucchiaio colmo di zucchero
1 cucchiaio di aceto di mele
1 bel pizzico di sale

Buttare le cipolline in una pentola con acqua bollente per 2-3 minuti e spellarle. Prendere una pentola in acciaio con fondo doppio (o una pentola di coccio) che sia larga e bassa, farvi fondere il burro facendo attenzione che non soffrigga, disporre con molta cura le cipolline su tutta l’ampiezza della pentola senza farle sovrapporre, salare su entrambi i lati e cospargere di zucchero.  Coprire con un coperchio per 10 minuti circa, poi scoprire e far dorare su entrambi i lati. Quando sono ben dorate, si cosparge l’aceto e si aspetta che sia del tutto evaporato. Una volta pronte, servirle tiepide.

Buon appetito.


Condividi l'articolo con chi vuoi ...

ALTRI RACCONTI ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *