Pasta cu’ l’anciovi e muddica atturrata

By  |  2 Comments

pasta-cu-lancioviUna ricetta tratta dalla più autentica cucina povera siciliana. L’ acciuga è uno di quegli ingredienti che durante l’estate, nelle zone costiere, veniva conservata sott’olio per essere consumata poi nella lunga stagione invernale, quando le pratiche di pesca diventavano più dure e rade.

Qualcuno l’arricchisce aggiungendo uvetta e pinoli, altri con capperi e olive, e c’è chi la colora un po’ con qualche pomodorino, ma la ricetta autentica è questa: fatta di pochissimi ingredienti locali e di alta qualità.

Ingredienti per 2 persone:

  • 6-7 cucchiai di olio extravergine d’oliva;
  • 7 acciughe sott’olio scolate;
  • 2 spicchi d’aglio;
  • 4 cucchiai di mollica di pane;
  • Peperoncino rosso;
  • Sale.


Preparazione:
In una pentola alta mettere a bollire l’acqua per la pasta (meglio se pasta lunga). Tostate la mollica in una padella antiaderente asciutta, mescolandola costantemente con una palettina di legno per non farla bruciare. Aggiungetevi un pizzico di sale e spegnete il fuoco solo quando avrà acquistato un bel colore bruno. Mettete la mollica in una scodellina e prendete una padella dai bordi alti. Versatevi l’olio ed aggiungete i due spicchi d’aglio tagliati a metà nel senso della lunghezza. Fate riscaldare l’olio sul fornello piccolo con la fiamma al minimo (l’aglio non deva mai soffriggere, né l’olio fumare). Scolate i filetti di acciuga e mettete anche questi in padella schiacciandoli con la paletta fin quando si sciolgono. Spegnete il fuoco, togliete l’aglio e aggiungete nell’olio ancora caldo un pizzico generoso di peperoncino rosso.

Scolate la pasta molto al dente conservando l’acqua di cottura di cui aggiungerete diverse cucchiaiate al condimento. Fate saltare la pasta nella padella con l’olio all’acciuga, aggiungendo qualche cucchiaiata di mollica tostata. Impiattate distribuendo ancora un po’ di mollica tostata su ogni porzione.

Scoprite altre mie gustose ricette su:
www.idiaridellacucina.it

 

Simona Cultrera

La cucina è un’arte nel doppio senso di “arte del saper fare” che riguarda la conoscenza delle tecniche, e “arte concettuale”, quella pura del mezzo espressivo, attraverso cui chiunque può esprimere se stesso e il proprio territorio.

  • Continuate così, bravi!

    • Grazie Federico per i complimenti. Ci fa sempre piacere riceverne di questo tipo. Continua a seguirci :)