Canicattini Bagni, il Presepe “ri usa”

By  |  0 Comments

presepe-di-canicattini-bagniUn appuntamento natalizio da non perdere assolutamente è il prezioso Presepe “ri usa”, un’opera originale, unica nel suo genere che ritorna dopo diversi anni arricchito con nuovi personaggi e nuovi particolari. Si tratta di un presepe che nasce dall’abile maestria dell’arte dei “canniscia ri usa”, canestri realizzati con i culmi delle spighe, un lavoro artigianale quasi del tutto scomparso. A far sopravvivere tale tradizione con un tocco decisamente innovativo è la Sig.ra Concetta Amenta che sin da bambina si è appassionata a tale arte. Oltre ai particolari cestini, oggi con la stessa tecnica crea delle figure stilizzate, protagoniste di questo presepe, il cui lavoro manuale richiede una grande forza, tempo e pazienza.

La Natività è ambientata in un paesaggio agreste che rielabora uno scorcio di Canicattini Bagni: vi si può riconoscere infatti il “Ponte d’Alfano”, simbolo del paese. È un tuffo indietro nel tempo! La sig.ra Amenta riproduce nei dettagli scene di vita contadina specifiche della nostra zona, vissuta con i propri occhi nella giovinezza e custodita nella propria memoria, come il ciclo del grano che caratterizzava la nostra società rurale. La magica semplicità del presepe “ri usa” offre al visitatore uno spettacolo suggestivo e pieno di fascino, in cui si intrecciano creatività e tradizione che, oltre a tramandare la vita contadina di un tempo, valorizza la rivisitazione dell’attività artigianale dei “canniscia” ormai caduta in disuso. Si ringrazia l’amministrazione comunale e la Pro Loco per aver dato la possibilità di esporre un’opera che recupera la nostra cultura e rafforza la nostra identità.

Sarà possibile visitare il presepe nei giorni 30 Dicembre 2012, il 1 e il 6 Gennaio 2013 dalle ore 19:00 alle 22:00 a Canicattini Bagni (SR), P.zza XX Settembre 34 – Per info: Comune di Canicattini Bagni

Scritto da Ersilia Panebianco

 

"L’Italia senza la Sicilia non lascia alcuna immagine nell’anima. Qui comincia tutto." J.W.Goethe, Viaggio in Italia